Il PASFA festeggia la sua Patrona

(30-04-2020) Ieri, ricorrenza di Santa Caterina da Siena Vergine e Dottore della Chiesa, Patrona d’Italia e d’Europa, nella chiesa del Santissimo Sudario in Roma si è svolta la Santa Messa celebrata dal Vicario Generale Monsignor Angelo Frigerio.

Don Angelo ha ricordato che per l’Ordinariato Militare la festa religiosa assume un significato in più perché Santa Caterina da Siena é anche patrona dell’Associazione per l’Assistenza Spirituale alle Forze Armate, associazione che nasce all’inizio della Prima Guerra Mondiale per assistere i militari feriti e malati e continua poi la sua opera nel tempo. Il PASFA ha avuto uno sviluppo molto significativo con la sua presenza laicale nelle Forze Armate sul piano istituzionale e in collaborazione stretta con l’Arcivescovo Ordinario Militare, con i Cappellani Militari e con i militari in servizio.

leggi

Coronavirus Covid-19. Mons. Marcianò (Omi): “Militari sono punti di riferimento per la popolazione”

21.03.2020
Forze Armate in campo contro il Coronavirus. Lo sono sin dai primi giorni dell’emergenza. Con numeri importanti e con incarichi di servizio spesso umanamente gravosi, come il trasporto delle salme dagli ospedali verso i forni per la cremazione. Dell’impegno dei militari nell’azione di contrasto al Coronavirus ne abbiamo parlato con l’arcivescovo castrense, mons. Santo Marcianò
leggi l’articolo completo

Roma 10.12.19

Il 3 dicembre l’Ordinariato Militare ha ospitato l’Assemblea Nazionale del P.A.S.F.A. nella Sala Capitolare della sede di Salita del Grillo 37.

L’ordine del giorno prevedeva la votazione relativa alla scelta dell’assetto associativo del PASFA, da adottare nel rispetto dei principi di ecclesialitá delle associazioni laicali ed in vista della imminente riorganizzazione del cosiddetto Terzo Settore.

Presidenti e Delegati di tutte le Sezioni territoriali hanno partecipato, insieme ai membri del Consiglio Direttivo Nazionale e ad alcuni Soci, ai lavori dell’Assemblea preceduti, come consuetudine, dalla Santa Messa celebrata dall’Assistente Spirituale Nazionale nonché Vicario Generale dell’Ordinariato, Mons. Angelo Frigerio, nella splendida cornice di S. Caterina da Siena a Magnanapoli.

Nel celebrare l’eucaristia, Don Angelo ha ricordato la figura di San Francesco Saverio sottolineando il dinamismo che sempre lo animó. Quel dinamismo dell’amore che viene da Dio e “se vogliamo ricevere Cristo in noi dobbiamo essere pronti a portarlo agli altri”. L’insegnamento che ci viene dalla missione di San Francesco Saverio è proprio che “per ricevere l’amore di Dio bisogna averlo dato agli altri con generosità”

Nella sua omelia Mons. Frigerio ci ha indotto e ci induce a riflettere sull’importanza del rendere un servizio laicale di credenti cattolici, battezzati: alla stregua di Gesù, che ne ha dato esempio con la sua Passione e Resurrezione, nell’essere testimoni nella nostra vita di credenti della Sua Parola, in comunione di Chiesa e non de LA CHIESA.

Chiarissimo inoltre l’invito a non perseguire aspirazioni e vanità personali, a non nutrire ambizioni per ruoli da ricoprire o mostrare falsa modestia nello svolgimento del proprio ruolo.

Il cristiano non sgomita, non si fregia del proprio ruolo, non ambisce ai primi posti.  Ricordando quanto contemplato nelle Beatitudini: essere fra l’altro umili e servire i piccoli, i più fragili, cercare relazioni con questi e non gratificarsi per relazioni con i potenti. Non cercare ancor più il potere per sé.

Nella cornice di queste riflessioni l’Assemblea si è svolta in un clima di armoniosa partecipazione e condivisione alla presenza del Vicario che ha offerto la sua disponibilità a rispondere alle molte domande dei Soci presenti.

Tutto ciò oggi più che mai si presta in modo calzante a noi soci P.A.S.F.A, in questa fase di discernimento e ridefinizione in cui abbiamo avuto occasione di chiederci chi siamo e dove siamo, e poter consapevolmente focalizzare il fondamento del nostro Servizio come Associazione e come singoli laici in seno ad essa, comunità nella Comunità Chiesa del Popolo di Dio.

L’esito della votazione conferma la volontà dei Soci di continuare il cammino associativo sotto la guida spirituale dell’Ordinario Militare, in stretta cooperazione con i Cappellani in sostegno a tutti i militari italiani.